Intitolata via a Pietro Borrometi. Un professionista dall'alto profilo umano

Ultimi articoli
Newsletter

Modica | tanti presenti per la stima nei confronti di un personaggio importante

Intitolata via a Pietro Borrometi
Un professionista dall'alto profilo umano

I figli hanno ringraziato tutte le autorità intervenute all'intitolazione

di Carmelo Riccotti La Rocca

Un momento della cerimonia
Un momento della cerimonia

MODICA | Intitolata all’avv. Pietro Borrometi ( insigne giurista della Città) la ex Rocciola Scrofani che si interseca con la Via Risorgimento. Uno snodo viario molto trafficato nella nuova zona commerciale della Modica - Sorda.

La cerimonia di intitolazione, molta partecipata, attesa la notorietà del professionista deceduto dieci anni fa, è avvenuta ieri alla presenza del sindaco, della famiglia, di magistrati, avvocati, parenti e amici che si sono raccolti attorno alla targa di intitolazione.

Il sindaco Antonello Buscema, nel suo intervento, ha tracciato il profilo umano, professionale e politico, dell’avv. Pietro Borrometi, avvocato già a 22 anni. L’inizio di una lunga e folgorante carriera forense, collega di studio dell’on. Emanuele Guerrieri, sia nel civile, nel penale che nell’amministrativo.

Vice sindaco di Modica e più volte consigliere comunale diede il suo decisivo contributo negli anni della ricostruzione civile, nel dopoguerra, della nostra comunità.

La dimensione professionale e del giurista l’ha fornita l’avv. Ignazio Galfo, presidente dell’Ordine Forense del Tribunale di Modica tessendo un profilo alto di una figura che non era solo un bravo avvocato, ma certamente di più, avendo in sé la qualità, frutto di studi attenti e profondi, di trattare le materie con consistente competenza e discernimento giuridico assai rari. Sarebbe cosa utile se gli storici locali potessero studiare e dare alle stampe le sue orazioni, le arringhe difensive e le sue memorie per trasmetterle alle future generazioni.

I figli, l’On. Antonio e l’avv. Roberto Borrometi, hanno poi ringraziato gli intervenuti per la loro presenza a testimonianza della stima e dell’amicizia nei confronti del padre.

Dopo la benedizione di padre Giovanni Stracquadanio, la signora Lina Scivoletto Borrometi, ha svelato la targa di intitolazione.

Sabato 1 giugno 2013

© Riproduzione riservata

769 visualizzazioni

Commenti
Lascia un commento

Nome:

Indirizzo email:

Sito web:

Il tuo indirizzo email è richiesto ma non verrà reso pubblico.

Commento: